Airbus Helicopters e il motore green (a pistoni) per gli elicotteri

Airbus Helicopters e il motore green (a pistoni) per gli elicotteri

Dopo la prova del Bluecopter, la casa franco tedesca ha fatto volare un prototipo basato sull'H120 Colibri con propulsore V8 a ciclo Diesel ad alta compressione: l'obiettivo è ridurre le emissioni

Ancora un passo in avanti nella ricerca dell'elicottero eco friendly di Airbus Helicopters. Dopo aver messo alla prova nei mesi scorsi il Bluecopter, un elicottero H135 con varie soluzioni green, il costruttore franco tedesco ha fatto debuttare in volo un dimostratore tecnologico con motore a pistoni ad alta compressione che dovrebbe abbattere considerevolmente le emissioni inquinanti e i consumi.

Come base è stata utilizzata quella del monomotore H120 Colibri. Il motore impiegato nei test completati lo scorso 6 novembre a Marignane è stato invece un V8 a ciclo Diesel alimentato a kerosene: lo sviluppo dell'elicottero è parte del programma ITD (Green Rotorcraft Integrated Technology Demonstrator) nell'ambito dell'iniziativa europea Clean Sky, supportato in quest'occasione del consorzio TEOS e Austro Engine.

I primi risultati del dimostratore tecnologico sono stati confortanti, soprattutto in termini di emissioni inquinanti e autonomia. “Dopo i primi 30 minuti di volo possiamo confermare i vantaggi della nuova tecnologia di motore a pistoni ad alta compressione per elicotteri – ha confermato Tomasz Krysinski, capo della sezione ricerca e innovazione di Airbus Helicopters -. I consumi si sono dimezzati, le emissioni ridotte, le performance in condizioni hot&high sono migliorate e l'autonomia è raddoppiata”.

TURBINA O PISTONI? IL FUTURO DEGLI ELICOTTERI

L'obiettivo finale del programma di sviluppo condotto da Airbus Helicopters è trovare un'alternativa sostenibile ai motori a turbina impiegati attualmente nell'industria degli elicotteri.

Il motore impiegato sull'H120 Colibri testato nei giorni scorsi è un 4.600 cc biturbo a ciclo Diesel con 8 cilindri disposti a V di 90° con un sistema di iniezione diretta common rail da 1,800 bar e un turbo per bancata. Il motore è dotato di sistema di autoiniezione, pistoni e cilindri sono in acciaio, i monoblocchi sono in alluminio, mentre la lubrificazione è a carter secco, come negli aeromobili acrobatici o, più comunemente, nelle auto da corsa.

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti di Helipress iscriviti alla nostra newsletter