Incidenti elicotteri, precipita AS350 in Nepal: 7 morti

Incidenti elicotteri, precipita AS350 in Nepal: 7 morti

L'aeromobile della Fishtail Air, pilotato dal comandante Ranjan Limbu, è caduto mentre era diretto a Kathmandu con una donna incinta a bordo: nessun superstite

Tragedia in Nepal. Un elicottero Airbus Helicopters AS350 B2 del provider Fishtail Air è precipitato nella giornata di lunedì 8 agosto mentre era impegnato in un trasferimento sanitario di una donna incinta verso l’ospedale della capitale Kathmandu.

A bordo erano presenti 7 passeggeri al momento dell’impatto: nessuno è sopravvissuto.

Ai comandi dell’aeromobile, circostanza confermata dall’operatore ai media locali, era presente il comandante Ranjan Limbu. L’aeromobile, marche 9N-AKA, era partito dall’aeroporto di Sirdibas con direzione Kathmandu quando è precipitato in un’area boscosa per causa ancora in corso di accertamento.

Le operazioni di recupero delle salme sono rese difficoltose dal maltempo che imperversa nella zona.

Nel 2014, secondo quanto riporta il database ASN, lo stesso elicottero era stato coinvolto in un incidente a Dolpa in cui il pilota e il tecnico erano rimasti feriti non gravemente.

CHI ERA RANJAN LIMBU

“Qui il meteo cambia in pochi secondi, la conformazione del territorio è complessa a dir poco e le altitudini elevate possono spaventare. Insomma, non è uno scherzo”.

Nella fotogallery: Ranjan Limbu: le sue foto

  • Foto n. 1
  • Foto n. 2
  • Foto n. 3
  • Foto n. 4
  • Foto n. 5
  • Foto n. 6
  • Foto n. 7
  • Foto n. 8
  • Foto n. 9
  • Foto n. 10

Sono le parole di Ranjan Limbu, i suoi pensieri condivisi con noi quando lo avevamo raggiunto in Nepal per parlare del suo lavoro, quello che lui definiva l"ufficio con la vista migliore del mondo". Era appena un anno fa e Ranjan era uno dei primi piloti internazionali a rendersi disponibile a un’intervista sul suo lavoro, sulla sua vita, sul suo modo di vedere gli elicotteri. Ranjan Limbu, 25 anni, portava avanti il suo mestiere con la passione e l’atteggiamento professionale, umile e spontaneo che contraddistingue chi ha dovuto scalare, è proprio il caso di dirlo, per raggiungere il suo posto in un’industria complessa come quella asiatica e nepalese in particolare.

Ranjan era originario di Charali, nella parte orientale del Paese, ed era stato impegnato nell’ormai noto ponte di elicotteri in occasione del sisma che ha devastato il Nepal nel 2014, volando al fianco di nomi noti dell’ala rotante internazionale come Maurizio Folini. 

Se n'è andato facendo il suo lavoro, una missione di soccorso sanitario, un lavoro che spesso dà di più di quanto toglie. Ranjan Limbu è andato via ricordando a tutti quali rischi porta sulle spalle tutti i giorni ogni pilota di elicottero del mondo.