HAI Heli Expo 2015, tutte le novità sull'AW609

HAI Heli Expo 2015, tutte le novità sull'AW609

Dai miglioramenti a peso massimo al decollo e range, fino all'accordo di collaborazione con Bristow. Ciò che c'è da sapere sul convertiplano della casa anglo italiana

ORLANDO (FL) – L’HAI Heli Expo 2015 sarà ricordato per la presentazione dell’H160 di Airbus Helicopters, senza dubbio. Ma a Orlando è tornato protagonista anche l’AW609, il convertiplano di AgustaWestland.

AW609, MIGLIORATI RANGE E PESO MASSIMO AL DECOLLO

In Florida, la casa anglo-italiana ha annunciato una serie di novità interessanti che riguardano l’aeromobile. Prima fra tutti, una serie di miglioramenti per il convertiplano, sottoposto a una continua fase di sviluppo dagli ingegneri della compagnia.

Il peso massimo al decollo, dopo una fase di test in volo, è aumentato fino a 18,000 lbs (8,165 kg), grazie, in particolare, a miglioramenti al motore e a modifiche al carrello di atterraggio.

Aggiornato anche il range, grazie all’inserimento di serbatoi aggiuntivi. L’autonomia dell’elicottero è quindi salita fino a un massimo di 1,100 nm (2,038 km), con la possibilità di trasportare 6 passeggeri con un range di 800 nm (1,482 km) in poco più di tre ore.

Anche il portellone della cabina è stato allargato per migliorarne l’accessibilità, specialmente durante operazione di Search and Rescue ed Elisoccorso. Aggiornata anche l’avionica, con l’inserimento del flight deck Rockwell Collins Pro Line Fusion.

LA PRODUZIONE, TRA PHILADEPLHIA E VERGIATE

Dal punto di vista della produzione in serie, all’HAI Heli Expo AgustaWestland ha rivelato come questa sia prevista per la fine del 2015 nello stabilimento della compagnia a Philadelphia, con la possibilità di apertura di una linea di assemblaggio anche a Vergiate.

L’ACCORDO CON BRISTOW

Ma la novità di Orlando è anche la collaborazione, nel programma AW609, tra AgustaWestland e il provider Bristow. L’accordo è stato firmato, infatti, proprio all’HAI Heli Expo, pochi minuti prima della presentazione del tanto atteso X4 di Airbus Helicopters.

Il contratto prevede una collaborazione tra le due aziende nell’ambito dello sviluppo delle configurazioni oil & gas e Search and Rescue del convertiplano, in vista della certificazione da parte della FAA, attesa per il 2017.

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti di Helipress iscriviti alla nostra newsletter