Elisoccorso e lavoro aereo: la storia di Alidaunia -FOTO

Elisoccorso e lavoro aereo: la storia di Alidaunia -FOTO

Il provider pugliese è uno dei punti cardine delle attività HEMS nell'Italia meridionale:l'amministratore unico Roberto Pucillo racconta a Helipress il percorso dell'azienda

Quasi 5.500 occupati, oltre 80 aziende attive, un miliardo di euro di fatturato nel 2012 ed export nei primi 9 mesi del 2013 vicino ai 284 milioni. Sono i numeri del settore aerospaziale pugliese, evidenziati nel marzo scorso dal governatore Nichi Vendola. È un’industria importante, che fa della Regione uno dei poli italiani del settore e che conta su imprese radicate sul territorio e costantemente proiettate al futuro.

L’occasione scelta da Vendola per calare gli assi dell’aerospaziale pugliese era l’inaugurazione della nuova sede di Alidaunia, di cui vi avevamo parlato a inizio anno. Il taglio del nastro della base ha quindi acceso i riflettori sull’azienda foggiana, che ha scelto di investire cifre importanti in un periodo storico complesso anche per le società di lavoro aereo.

Nella fotogallery: AW139 e AW109: la flotta Alidaunia

  • Foto n. 1
  • Foto n. 2
  • Foto n. 3
  • Foto n. 4
  • Foto n. 5
  • Foto n. 6
  • Foto n. 7
  • Foto n. 8
  • Foto n. 9
  • Foto n. 10
  • Foto n. 11
  • Foto n. 12

ALIDAUNIA, DALLE RIPRESE AEREE ALLE ATTIVITA’ IN TURKMENISTAN

La storia di Alidaunia inizia a fine anni ‘70, quando la società avvia l’attività di riprese televisive per conto di vari enti pubblici. Sei anni dopo è la volta della Licenza di Trasporto Pubblico Passeggeri (TPP), seguita un anno più tardi  dall’avvio di quello che sarà in seguito uno dei core business della società basata al Gino Lisa: il collegamento quotidiano tra Foggia e le Isole Tremiti.

L’Elisoccorso è un altro dei punti cardine delle attività di Alidaunia, che gestisce le operazioni HEMS nel territorio dell’Asl di Foggia e anche in Basilicata, in associazione temporanea di imprese con Inaer.

Alidaunia dispone al momento di una flotta di 10 elicotteri. L’ultimo, un AW109 Grand New, è stato immatricolato a fine estate: la spina dorsale delle attività operative della compagnia è costituita da elicotteri AgustaWestland, di cui Alidaunia è anche station service autorizzato. "Il reparto manutenzione è senza dubbi uno dei punti di forza delle nostre attività – spiega a Helipress Roberto Pucillo, amministratore unico di Alidaunia -. Oggi possiamo contare su una flotta moderna e affidabile, che conta su cinque AW109, un AW139, tre A109 e due Robinson R22 dedicati alle missioni di addestramento".

Alidaunia, come altre imprese italiane del settore, ha scelto da tempo di diversificare il suo business fuori dai confini nazionali, arrivando ad avviare nuove attività in Bulgaria e Turkmenistan. I due distaccamenti esteri sono i cardini del reparto “internazionale” della compagnia pugliese, mentre la prossima frontiera per i tecnici di Alidaunia Maintenance è il Pakistan.

ELISOCCORSO IN PUGLIA, CAMPANIA E BASILICATA

La "carriera" di Alidaunia nell’Elisoccorso è iniziata nella seconda metà degli anni ’80. L’azienda è stata inoltre impegnata, negli ultimi 28 anni, in missioni umanitarie per conto della Croce Rossa Italiana, per il soccorso off shore nel Mar Adriatico (per Europe Assistance) e per il trasporto delle equipe sanitarie dell’Università di Catania.

Attualmente, Alidaunia è anche impegnata nel servizio diurno e notturno di Elisoccorso per le Isole Tremiti, che si affianca al servizio di trasporto passeggeri, probabilmente il suo ramo aziendale più noto.

“L’intesa con Asl di Foggia è partita nel giugno 1995 e da allora il servizio ha assunto rilevanza strategica per la rete di emergenza sanitaria locale, soprattutto in considerazione della complessa conformazione geografica del territorio e della scarsa capillarità della rete viaria”, precisa il comandante Pucillo

Dopo un impiego inizialmente riservato alle ore notturne, nel 2000 Alidaunia ha consolidato la sua presenza in Campania. Dal febbraio 2002 l’azienda pugliese si è posizionata nella base HEMS di Salerno, nell’aeroporto di Pontecagnano, insieme a Napoli uno dei due poli dell’Elisoccorso campano.

In Basilicata, come anticipato, Alidaunia è invece impegnata in ATI con Inaer per la gestione del servizio di Elisoccorso locale. Nella regione sono operativi due elicotteri nelle basi di Matera e Potenza: Alidaunia provvede anche alla gestione delle due basi e alla manutenzione della rete di elisuperfici regionali.

ALIDAUNIA E LA RETE ELIPORTUALE PUGLIESE

In Puglia, Alidaunia si è occupata anche della progettazione e realizzazione di dieci tra eliporti ed elisuperfici. Si tratta della nota Rete eliportuale pugliese, il network delle attività di Elisoccorso in Puglia studiato per garantire anche il supporto alle attività regionali di protezione civile e all’accessibilità alle aree non servite dalle infrastrutture ferroviarie o stradali.

La Rete eliportuale pugliese era stata realizzata a seguito di una convenzione dell’ottobre 2007, che aveva individuato in Alidaunia l’appaltatore e il gestore degli eliporti. Le elisuperfici sono piazzate strategicamente sul territorio regionale, con l’obiettivo di assicurare un a copertura delle aree meno accessibili: Foggia, San Giovanni Rotondo, Vieste, Peschici, Isola di SanDomino, Isola di San Nicola, Celenza Valfortore, Bari Policlinico, Melendugno e Supersano, il tutto in piena integrazione con la rete di trasporto aereo regionale, come previsto dal Piano Regionale dei Trasporti della Regione Puglia.

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti di Helipress iscriviti alla nostra newsletter