Elisoccorso, sicurezza e stress psicologico: il punto a "Safety Takes Flight"

Elisoccorso, sicurezza e stress psicologico: il punto a "Safety Takes Flight"

In occasione del congresso, organizzato dall'Università di Verona e da Helicopters Italia (con ENAC), presentato il primo esempio di ricerca avanzata sulle non-technical skills per l'Elisoccorso

Migliorare i livelli di sicurezza nelle operazioni di Elisoccorso attraverso il contributo dell’industria elicotteristica, della comunità accademica e delle istituzioni, anche con il supporto dei più moderni sistemi di analisi e gestione dei fattori di stress psicologico.  È stato l’obiettivo del congresso Safety Takes Flight, organizzato a Verona dall'Università degli Studi e Helicopters Italia, con il patrocinio dell’ENAC.

In occasione del meeting si sono confrontati i principali attori dell’Elisoccorso italiano, con la partecipazione dai professori Riccardo Sartori e Andrea Ceschi del dipartimento di Scienze Umane dell’Università di Verona, di Giovanni Cipolotti, direttore dell’Elisoccorso SUEM di Belluno, Adriano Valerio, direttore del 118 di Verona, Stefano Sironi, responsabile della formazione di AREU, Fabiola Cardea, specialista di Human Factors in ENAC e Eleonora Avi, CRM trainer e psicologa del lavoro in Helicopters Italia.

SAFETY TAKES FLIGHT: RIFLETTORI SULLE NON-TECHNICAL SKILLS

Le ricerche effettuate dal team dell’Università di Verona sono state basate sui riscontri ottenuti in 10 basi HEMS in Italia e hanno toccato i temi canonici delle non-technical skills, con l’aggiunta di due nuove peculiarità relative al settore HEMS emerse proprio in occasione del congresso.

Cinque provider HEMS italiani su sette hanno aderito al progetto, basato su un bacino di oltre 200 questionari e 70 interviste su temi relativi al lavoro di squadra e alla gestione dello stress: cooperazione, leadership, situational awareness, decision making, regolazione emotiva e resilienza. Si tratta, nel caso degli ultimi due esempi citati, di novità specificatamente elaborate per il panorama HEMS, un’evoluzione delle classiche non-technical skills dovuta all’analisi del contesto specifico dell’Elisoccorso, in cui sono coinvolti fattori di stress e situazioni di rischio imprevedibili: l’obiettivo finale della ricerca è sviluppare i servizi di formazione del personale degli aeromobili HEMS attraverso l’analisi delle reali necessità comunicate dagli operatori.

Tra le possibili migliorie dei fattori di stress psicologico segnalati dai provider, sono emersi il bisogno di un incremento della qualità delle comunicazioni tra centrale operativa e team in volo, la possibilità di disporre di strumenti psicologici da attivare dopo specifiche missioni, le necessità di periodi di stage e l’estensione della formazione CRM. I risultati completi della ricerca e i relativi punti di miglioramento saranno trattati nei prossimi mesi in un contributo specifico che sarà pubblicato a livello internazionale.