AgustaWestland AW609, completati i test di autorotazione -VIDEO

AgustaWestland AW609, completati i test di autorotazione -VIDEO

Nuovo passo in avanti nello sviluppo del convertiplano della casa anglo italiana. Conclusi nello stabilimento di Arlington, Texas, 70 test di conversione dei motori basculanti

Il convertiplano AgustaWestland AW609 ha completato con successo i test di autorotazione. L'aeromobile, che concilia le caratteristiche di decollo e atterraggio verticale (VTOL) degli elicotteri con le capacità tipiche dei velivoli ad ala fissa, ha terminato una serie di prove di transizione delle due modalità presso la sede AgustaWestland di Arlington, in Texas. Si tratta di un passo in avanti fondamentale per il programma, uno step decisivo per attestare la sicurezza delle tecnologie impiegate dal convertiplano.

Ad annunciarlo è stata la casa anglo italiana, che ha sottolineato di aver condotto le prove tra la fine di marzo e i primi giorni di aprile. AgustaWestland ha condotto un totale di dieci ore di volo, in cui sono stati conclusi 70 test di conversione dei motori basculanti dell'AW609, che consentono all'aeromobile di passare dalla modalità elicottero a quella aereo. I test, monitorati anche dalla FAA, hanno compreso le prove di autorotazione, un gradino imprescindibile in vista della certificazione statunitense dell'aeromobile.

Nonostante il pieno successo dei test, la strada verso il via libera della FAA (e del conseguente ingresso in servizio) non è ancora dietro l'angolo per l'AW609. In attesa del semaforo verde americano, la casa anglo italiana si è però già portata avanti con il lavoro, avviando le primissime fasi di industrializzazione. L'obiettivo di AgustaWestland è avviare la produzione a pieno regime subito dopo la certificazione, un processo che tuttavia potrebbe richiedere ancora tre anni.

Nel video: AW609. il convertiplano di AgustaWestland

AW609: DAL PROGETTO BELL AD AGUSTAWESTLAND

Sviluppato inizialmente da una joint venture Bell-Boeing (poi ritiratasi due anni dopo l'inizio del programma, nel 1998), il progetto AW609 è stato acquisito nel 2011 da AgustaWestland. La tecnologia e il concept generale dell'aeromobile derivano dal più grande Bell V-22 Osprey, il convertiplano impiegato dalle Forze armate americane a partire dal 2005.

L'AW609 è spinto da una coppia di turbine Pratt & Whitney Canada PT6C-67A ed è dotato di un'avionica digitale e sistemi di controllo fly-by-wire. Può imbarcare fino a 9 passeggeri, per un peso massimo al decollo di oltre 7 tonnellate. Il cockpit è stato progettato per consentire il pilotaggio dell'aeromobile da un solo pilota in condizioni IFR (instrumental flight rules). Dopo l'acquisizione completa del programma da parte di AgustaWestland, l'AW609 è passato attraverso una serie di sostanziali modifiche progettuali mirate a modernizzare il programma, risalente alla seconda metà degli anni '90.

Il convertiplano ha compiuto il primo volo nel marzo 2003. Negli ultimi dieci anni la sua destinazione d'uso finale è stata modificata più volte: dalle iniziali prospettive di impiego come scorta armata per i V-22 Osprey, il progetto è passato gradualmente alla sua forma attuale, che prevede l'impiego del convertiplano per il trasporto VIP/executive. Il prezzo resta ancora un'incognita. Le ultime analisi di mercato hanno ipotizzato un costo unitario di circa 30 milioni di dollari, ma AgustaWestland ha più volte ribadito che le cifre esatte saranno rese note solo due anni prima dell'entrata in servizio.