5 cose da sapere sull'AS350 Ecureuil

5 cose da sapere sull'AS350 Ecureuil

Introdotto negli anni '70 dall'Aérospatiale come successore dell'Alouette II, l'elicottero monomotore è diventato sinonimo di affidabilità, semplicità e versatilità: ecco i segreti del suo successo

Come si i supera quota 30 milioni di ore di volo? Con un elicottero che possa volare e operare in ogni parte del pianeta, dalle vette più elevate al trasporto dei carichi pesanti. I numeri dell’elicottero monomotore Airbus Helicopters AS350 Ecureuil sono i più impressionanti dell’industria degli elicotteri: ne hanno costruiti oltre 6.000 e oggi ne sono in servizio 5.000 in 119 diversi paesi del mondo.

Solo nel 2015 la flotta complessiva di AS350 Ecureuil ha superato il milione e mezzo di ore di volo, grazie al lavoro di oltre 1.800 operatori in tutto il mondo.

Il popolare monomotore della casa europea ha attraversato tutte le fasi di evoluzione industriale della casa madre, dai primi passi con l’Aérospatiale negli anni ’70 (con il pesante compito di rimpiazzare lo storico Alouette II) fino all’evoluzione con Eurocopter e alla attuale consacrazione con Airbus Helicopters.

Nella fotogallery: AS350 Ecureuil: 30.000.000 di ore di volo

  • Foto n. 1
  • Foto n. 2
  • Foto n. 3
  • Foto n. 4
  • Foto n. 5
  • Foto n. 6
  • Foto n. 7
  • Foto n. 8
  • Foto n. 9
  • Foto n. 10

Ecco 5 cose da sapere sull’AS350 Ecureuil:

1.L’AS350 NON DOVEVA CHIAMARSI ECUREUIL

Il segreto del successo di un prodotto è spesso legato anche al nome: Ecureuil è ormai sinonimo dell’AS350, ma il suo destino poteva prendere una strada diversa. Negli anni ’70 l’ufficio marketing dell’Aérospatiale aveva pensato di chiamare il nuovo monomotore “Alouette Affairs”, ovvero Alouette Business . Il nome era stato studiato per enfatizzare il concetto alla base del suo design: semplicità, affidabilità e prezzo competitivo. Alla fine la scelta è virata sul più moderno Ecureuil (scoiattolo): del resto in comune con l’Alouette l’AS350 aveva davvero ben poco. Soprattutto sul piano delle prestazioni.

2.ESISTE (ANCORA PER POCO) ANCHE UNA VERSIONE BIMOTORE

L’AS350 è riconosciuto universalmente come re degli elicotteri monomotore. I motivi sono semplici: è una macchina che può portare a termine praticamente qualsiasi tipo di missione, con performance quasi imbattibili ad alta quota. Ne esiste anche una versione bimotore: l’AS355 Ecureuil II o, per il mercato americano, TwinStar 2. La variante più recente è stata introdotta nel 2007 e dispone di una coppia di Turbomeca Arrius 1A1 e monta una trasmissione basata su quella dell’AS350 B3 (il peso massimo al decollo è di 2.8 tonnellate). La produzione sarà interrotta a fine 2016, quando il backlog produttivo sarà esaurito.  Ne è stato consegnato uno anche in Italia, nel 2007 alla Air Corporate.

3.ESISTE UNA VERSIONE CON ROTORE DI CODA FENESTRON

Il primo elicottero ad adottare l’iconico rotore di coda intubato Fenestron, oggi marchio di fabbrica della casa europea, è stato il SA341 Gazelle alla fine degli anni ‘60. Ma lo stesso sistema è stato testato nel 1987 anche su una variante dell’Ecureuil, denominata AS350 Z e basata sull’AS350 B2. L’elicottero è stato impiegato per lo sviluppo del Fenestron per il monomotore EC130 e non è mai entrato in produzione.

4.DETIENE IL RECORD PER IL DECOLLO A QUOTA PIÙ ELEVATA

Non esiste montagna senza Ecureuil. L’AS350 è l’elicottero più impiegato al mondo per il trasporto e il soccorso a altitudini elevate (Simone Moro ci ha spiegato perché). A certificare la bontà del progetto c’è il record mondiale di decollo ad alta quota siglato il 14 maggio 2005 sulla cima del Monte Everest. Protagonista un AS350 B3 di serie, il test pilot Didier Delsalle e il campo base nepalese di Lukla.

5.UN ECUREUIL HA SUPERATO LE 34.000 ORE DI VOLO

Non è un mistero: per numeri l’AS350 è il leader delle famiglie di elicotteri di Airbus. Praticamente la metà degli aeromobili del costruttore europeo in circolazione è rappresentata dagli Ecureuil, che si prendono pure la corona per la quota di ore di volo accumulate nel mondo da tutte le macchine Airbus. C’è anche un campione dei campioni: l’AS350 BA della Air Maui Helicopters, consegnato nel 1991 e con all’attivo oltre 34.000 ore di volo. Menzione d’onore per un AS350 B2 della 5 Star Grand Canyon Helicopter Tours, che nel 2015 ha superato le 1.800 ore di volo in un anno (praticamente 5 ore di volo al giorno, 7 giorni su 7). 

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti di Helipress iscriviti alla nostra newsletter