Terremoto in Nuova Zelanda, in azione gli NH90

Terremoto in Nuova Zelanda, in azione gli NH90

Gli elicotteri militari della forze di Difesa del Paese sono intervenuti per portare in salvo turisti e abitanti di Kaikoura, tra le località più colpite dal terremoto di magnitudo 7.5: tutte le foto

Un ponte di elicotteri per portare in salvo più persone possibile. È iniziata a Kaikoura l’evacuazione di centinaia di turisti e abitanti del luogo rimasti intrappolati nella cittadina costiera a circa 150 km da Christchurch, epicentro del terremoto di magnitudo 7,8 che ha investito la parte Nord della Nuova Zelanda.

Nella fotogallery: Terremoto in Nuova Zelanda: il ponte aereo

  • Foto n. 1
  • Foto n. 2
  • Foto n. 3
  • Foto n. 4
  • Foto n. 5
  • Foto n. 6
  • Foto n. 7
  • Foto n. 8
  • Foto n. 9
  • Foto n. 10
  • Foto n. 11
  • Foto n. 12

Gli aeromobili schierati sono parte della flotta delle forze di Difesa del Paese, che hanno inviato sul luogo anche due navi militari (HMNZS Canterbury e HMNZS Wellington): si tratta in dettaglio di elicotteri militari NH90, SH-2G Super Seasprite e AgustaWestland AW109, affiancati da aerei C-130 Hercules e Orion.

Kaikoura è rimasta totalmente isolata, le vie di accesso stradali e ferroviarie sono state interrotte, e il governo ha quindi inviato gli elicotteri per garantire i soccorsi e l’approvvigionamento di cibo e acqua.

Si tratta di una situazione di massima emergenza: il primo ministro John Key ha sorvolato le zone colpite dal sisma in elicottero e ha definito la situazione “terribile” con danni incalcolabili prodotte da oltre 80.000 frane registrare.

Nel video: John Key visits Kaikoura

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti di Helipress iscriviti alla nostra newsletter