Sikorsky S-64, la "gru volante" per le operazioni antincendio

Sikorsky S-64, la "gru volante" per le operazioni antincendio

Concepito nel 1962, è ormai una sicurezza nel panorama mondiale della lotta aerea agli incendi. In Italia è operato dal Corpo Forestale dello Stato

Quando si pensa agli elicotteri antincendio, è difficile non pensare al Sikorsky S-64 Skycrane. La "gru volante" è stata concepita negli anni' 60 per l'Esercito statunitense, ma oggi (che è prodotto dalla Erickson), è ormai una sicurezza nel panorama mondiale della lotta aerea agli incendi. In Italia è operato dal Corpo Forestale dello Stato, che ne impiega quattro nella versione F.

Nel video: L'S-64 Skycrane in azione

S-64 SKYCRANE, LE CARATTERISTICHE

Lo Skycrane è una vera "bestia da tiro". Lungo oltre 27 metri fuori tutto, è spinto da una coppia di propulsori Pratt & Whitney JFTD12A-5A, che permettono di sostenere un peso massimo al decollo superiore alle 21 tonnellate. La sua storia inizia nel 1962, quando l'US Army ordina sei apparecchi per uso militare. Ma è soprattutto la versione civile a risucotere il successo internazionale. Grazie alla capacità di carico di un serbatoio esterno da 10mila litri (a cui si aggiunge la possibilità di aggiungere liquido ritardante e schiumogeno), è uno dei principali attori della lotta aerea antincendio in tutto il mondo.

Prodotto per 30 anni dalla Sikorsky, dal 1992 è un cavallo di battaglia della Erickson, che ne ha acquisito i diritti di produzione. Il suo serbatoio antincendo è dotato di otto livelli di riempimento e permette di sganciare l'intero carico in soli tre secondi. Una vera e propria "bomba d'acqua", che punta a soffocare le fiamme anche con il notevole peso. Forza bruta ma anche precisione: Grazie a un cannone posizionato nella parte anteriore, gli operatori possono infatti "sparare" un getto d'acqua direttamente su una porzione di fiamme, per consentire un'azione più mirata.

Anche la modalità di caricamento dell'acqua è un vero capolavoro di ingegneria. Il riempimento, compiuto attraverso un tubo flessibile, sfrutta la velocità dell'elicottero stesso per risucchiare 10mila litri d'acqua in meno di un minuto.

Negli Stati Uniti lo Sckycrane, con le sue forme sgraziate e immediatamente riconoscibili, è da decenni protagonista assoluto del lavoro aereo con elicotteri. 

I SOPRANNOMI, DA ELVIS A TORO SEDUTO

Per tradizione, a ogni S-64 viene assegnato un nome di "battesimo", una particolarità che ha contribuito ad aumentare la già leggendaria fama. La lotta antincendio in Australia, una delle più intense al mondo, ha in forze "Elvis" (foto in alto), nomignolo derivato dai trascorsi dell'elicottero nella Guardia Nazionale americana di stanza a Memphis. I quattro Skycrane del Corpo Forestale dello Stato sono invece famosi per i nomi di ispirazione nativo americana, come "Geronimo", "Nuvola Rossa", "Orso Bruno" e, naturalmente, "Toro Seduto"

Video